Sette partite al termine della regular season

Volley serie C, ennesima amnesia casalinga della Volleyup

Male risultato e gioco contro il Bari, sabato difficile trasferta a Bitonto

Volley
Acquaviva martedì 12 marzo 2019
di La Redazione
Volleyup
Volleyup © Volleyup & Eulogic Acquaviva

Inutile girarci attorno, arriviamo al sodo della questione: mancano sette partite al termine della regular season e il distacco dalla salvezza diretta è sempre di due punti. Diversamente, la VolleyUp & Eulogic Acquaviva dovrà necessariamente passare dai playout per conservare la permanenza in serie C.

La corsa, al momento, è sul Cutrofiano che attualmente occupa l’ultimo posto disponibile per ottenere l’obiettivo, ma a giudicare dalla classifica cortissima il discorso coinvolge inevitabilmente anche Taranto e Torre Santa Susanna, che continuano a tallonare capitan Forino e compagne.

Non è andata affatto bene, ieri, nel match casalingo contro l’Amatori Volley Bari. Male nel risultato (3 set a 1 per il sestetto ospite) e soprattutto male nell’atteggiamento: la VolleyUp è apparsa troppo bloccata, non è mai entrata veramente in partita nonostante abbia dato più volte l’impressione di poterla vincere se solo fosse scesa in campo con una furia agonistica diversa. Quel che fa rabbia, per l’ennesima volta, il fatto che le nostre libellule possono senza dubbio vantare una qualità ancora troppo inespressa e il timore è che si vada avanti così, fino a fine campionato.

Non è questo tipo di prestazione che mister Polignano si aspettava nella fase più importante della stagione, speriamo si sia trattato solo di un passaggio a vuoto e che, almeno dal punto di vista del gioco, vi siano progressi nella sfida di sabato prossimo sul difficile campo del Bitonto che, a sua volta, deve ancora guadagnarsi un piazzamento utile per gli spareggi-promozione.

CLASSIFICA: Trani 50; Bisceglie 46; Bari 38; Nardò e Tuglie 36; Bitonto 35; Barletta 34; Cutrofiano 28; VolleyUp & Eulogic Acquaviva 26; Taranto 24; Torre Santa Susanna 22; Potenza 19; Mesagne 3; Sannicola 2.

Lascia il tuo commento
commenti