Tintarella di luna

I rischi di una esposizione prolungata ai raggi del sole

Antonio Lagravinese La testa tra le nuvole
Acquaviva - venerdì 11 aprile 2014
©

Le previsioni per questo fine settimana non sono delle migliori. Il week end sarà perturbato a causa di un’aria ciclonica che porterà piogge e temporali. Il maltempo si attenuerà solo lunedì. Per l'inizio della nuova settimana è prevista infatti una breve pausa del maltempo ma poi ritornerà di nuovo aria perturbata e le cose non miglioreranno almeno fino a mercoledì.

Melanomi e climatologia. Anche se non si direbbe, a giudicare dai nuvoloni che incombono sulle nostre teste e per le basse temperature che caratterizzano questi ultimi giorni, l'estate è alle porte. E con l'arrivo della bella stagione occorre tenere presente che una esposizione prolungata al sole può essere dannosa per la salute. 

Solo nel el 2013, circa 10mila persone in Italia  hanno avuto problemi di melanoma, di cataratte e di retinopatie.

Questi fenomeni sono causati dall'assottigliamento dello strato di ozono dell'atmosfera. Come già spiegato in precedenti articoli, i responsabili di questi fenomeni che stanno assumendo dimensioni epidemiche sono i famigerati clorofluorocarburi.

Comunemente chiamati " gas killer", sono prodotti chimici ampiamernte utilizzati dall'industria. O lo sono stati in passato, prima che si accertasse la loro pericolosità. I "gas killer" erano ampiamente utilizzati negli apparecchi di refrigerazione e nelle bomboolette spray.

Oggi fortunatamente molte di queste sostanze sono state messe al bando. Ma il buco dell'ozono è sempre lì e con esso perdurano i rischi alla salute connessi all'esposizione prolungata ai raggi del sole. Per questo motivo è sconsigliabile prendere il sole nelle ore di punta (dalle 11.00 alle 15.00) ma occorre privilegiare oriari in cui la nostra stella irradia la terrà con minore intensità. Non serve ricorrere alla "tintarella di luna" ma basta avere un po' di prudenza. La bellezza non ne viene compromessa, ma si evita anzi di produrre danni permanenti alla pelle.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti