Italia in Comune Puglia

Abbaticchio su reddito di cittadinanza: “non chiamatela misura anti-disoccupazione”

“Paradossale che il 40% dei lavoratori pugliesi guadagna meno dell’importo dell’assegno”

Politica
Acquaviva giovedì 28 febbraio 2019
di La Redazione
Michele Abbaticchio
Michele Abbaticchio © Italia in Comune Puglia

A poche ore dal voto del Senato con il quale il reddito di cittadinanza, misura bandiera del Movimento 5 stelle, è stato approvato a maggioranza, il leader di Italia in Comune Puglia Michele Abbaticchio dice la sua sul provvedimento: “Passa in Senato un altro provvedimento disastroso di questo Governo. Nessuno di noi è ovviamente contrario a che si ipotizzino misure a sostegno delle fasce deboli, ma il criterio alla base di ogni provvedimento deve essere la ragionevolezza”.

Quindi, il vicecoordinatore nazionale e coordinatore regionale del partito ha elencato quali sarebbero le falle del provvedimento: “ Innanzitutto, il sussidio verrà erogato grazie al fatto di aver sottratto risorse economiche alla formazione professionale. E già un provvedimento che nasce sul cadavere della formazione, alias il futuro dei giovani, ci sembra non goda dei migliori auspici. In secondo luogo, ci chiediamo come può un provvedimento basato proprio sullo stato di disoccupazione dell’avente diritto essere annoverato fra gli strumenti in grado di debellare la stessa disoccupazione? E’ un no-sense, visto che da essa prende le mosse. Se si volesse davvero ridurre il fenomeno della disoccupazione, andrebbero studiati strumenti che diano garanzia di lavoro e non, viceversa, misure assistenzialistiche in grado, semmai, di favorire il contrario: meno impegno nel cercarsi o mantenere il posto di lavoro. La disoccupazione, a nostro modesto parere, si cancella creando un sistema produttivo sano. In ultimo, bocciamo in toto anche l’emendamento con il quale il testo è passato in Senato grazie al quale sarà possibile verificare solo gli importi spesi e non ogni singola spesa”.

Tra le principali novità, c’è, infatti, l’impossibilità, per lo Stato, di monitorare le spese che verranno effettuate attraverso la Rdc card. Nel testo originale, i 780 euro mensili erano vincolati a determinati tipi di spese come affitto e acquisto di generi alimentari e di questi, solo 100 al mese sarebbero potuti essere prelevati, mentre gli importi non utilizzati sarebbero stati restituiti. “Con l’ok del Senato all’emendamento, viene meno, ora, anche questa forma di controllo sulle modalità di spesa del contributo, cancellando, così, anche quel minimo di serietà che rimaneva alla misura”.

In ultimo, l’amministratore commenta negativamente anche quanto emerso dal recentissimo studio per cui quasi il 40% dei pugliesi attualmente guadagna meno dell’importo dell’assegno: “Se è esagerato leggere questo dato come una sorta di pericolosissima esortazione a valutare di lasciare il posto di lavoro per avere diritto all’assegno di cittadinanza, quantomeno lasciateci dire che è svilente che, a conti fatti, venga avvantaggiato chi non produce. E’ stato stimato, infatti, che un lavoratore dipendente, avrà il 5,7% in meno di reddito disponibile rispetto a un beneficiario del reddito. Si viene a creare, insomma, una situazione paradossale e mortificante per i lavoratori.”

Lascia il tuo commento
commenti