L'intervento

Cure ai pazienti provenienti da altre regioni, Salatto: «Insostenibile il tetto di spesa invariato»

La nota a firma del Presidente A.I.O.P. Regione Puglia, Potito Salatto

Cronaca
Acquaviva venerdì 19 novembre 2021
di La Redazione
Potito Salatto
Potito Salatto © n.c.

«Condividiamo come AIOP Puglia il grido di dolore lanciato dall’Aris, che abbiamo peraltro sollevato e portato all’attenzione del governo regionale in più occasioni. Quindi la decisione assunta dall’ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti certifica ciò che invano stiamo ripetendo da ormai troppo tempo, senza ottenere risposte. La sospensione delle prestazioni extra-regionali dell’ospedale religioso evidenzia la gravità di scelte che penalizzano in primo luogo i pazienti ed il diritto alla salute di cittadini che sono nostri vicini».

E' quanto si legge nella nota a firma del Presidente A.I.O.P. Regione Puglia, Potito Salatto.

«Mi si permetta un paragone improprio: mentre la Polonia - scrive Salatto -, nell’indignazione generale, si rifiuta di farsi carico della solidarietà nei confronti dei profughi che chiedono di poter entrare in Europa, in Italia si nega il diritto alla libertà di cura di cittadini che vivono a pochi chilometri dalla Puglia. A questo proposito è opportuno ricordare come la nostra Costituzione, all’articolo 32, affermi la libertà di scelta rispetto alle cure sanitarie, prescindendo dalla residenza del paziente. Cioè quel principio universalistico che in questo modo viene calpestato. Soprattutto in un momento in cui i postumi della pandemia hanno generato liste d’attesa insostenibili; l’emergenza Covid ha imposto la sospensione di oltre un milione di ricoveri e centinaia di migliaia di prestazioni diagnostiche che spesso fanno la differenza per la vita dei pazienti.

È insostenibile continuare a lasciare invariato, in un frangente così delicato, il tetto per la mobilità attiva, privando dell’assistenza sanitaria i cittadini delle Regioni più vicine che scelgono di curarsi nelle strutture della Puglia. Tanto più che le cifre relative alla mobilità passiva pugliese continuano ad essere elevatissime. Producendo un saldo negativo che solo nel 2018, addirittura prima dell’emergenza pandemica, si è attestato intorno ai 211 milioni di euro.

Un’emergenza che non ha modificato l’impostazione politica della Regione Puglia, che continua ad avere come riferimento un impianto legislativo e normativo pre-emergenziale, non tenendo presenti le conseguenze per i cittadini».

Lascia il tuo commento
commenti