Comunicato stampa

Furto nell’immobile confiscato alla mala e gestito dalla cooperativa “terre di Puglia- libera terra”

Rollo (Legacoop Puglia): “nessuno mai potrà fermare la forza che le cooperative mettono nel combattere ogni forma di illegalità”

Cronaca
Acquaviva lunedì 25 gennaio 2021
di La Redazione
 Terre di Puglia – Libera Terra
Terre di Puglia – Libera Terra © n.c.

“I trattori rubati nell’immobile confiscato alla mala, in agro di Torchiarolo e gestito dalla cooperativa Terre di Puglia – Libera Terra erano materiale fondamentale per portare avanti i lavori in quei terreni. Ma il furto non fermerà mai la forza che le cooperative mettono nel combattere l’illegalità in tutte le sue forme. Voglio rassicurare gli autori dell’inqualificabile gesto: i lavori si faranno comunque, nel rispetto della dignità dei soci e dei lavoratori che credono nella lotta alla criminalità”.

Così il presidente di Legacoop Puglia Carmelo Rollo ha commentato l’ennesimo atto delinquenziale ai danni di un immobile confiscato alla criminalità e gestito da anni con dedizione e sacrificio da una cooperativa che ha investito e ridato dignità, bellezza e nuova linfa a luoghi un tempo appartenuto al boss della Sacra Corona Unita Tonino Screti. “Si chiama forza della legalità – conclude Rollo – ed è più tenace di qualsiasi furto, atto vandalico o intimidatorio. Sono sicuro che la cooperativa Terre di Puglia sarà ancora più determinata a rafforzare la sua attività e i valori che la ispirano ogni giorno”.

“Il danno subìto ha solo rallentato i nostri lavori di cura e di produzione nei terreni confiscati alla sacra corona unita, ma non fermerà certo la nostra volontà di continuare a creare lavoro, dare valore alle risorse di un territorio che, seppur con fatica, prova a mostrare le sue straordinarie ricchezze – commenta Salvatore Spinelli, presidente della cooperativa Terre di Puglia Libera Terra. Già questa mattina, le nostre operaie e i nostri operai erano al lavoro nel vigneto di Torchiarolo-San Pietro Vernotico per le potature di stagione, come da programma. Tutto questo non ci scoraggia anche se, purtroppo, in Puglia sono frequenti le azioni tese a osteggiare le attività che valorizzano il riuso sociale dei beni confiscati. La nostra forza è sapere di non essere soli, ma avere nei soci e lavoratori della cooperativa una rete che nell’immediato ha ribadito la propria vicinanza e la propria voglia di continuare un cammino comune ancora con più determinazione”.

“Ancora una volta ribadiamo l’importanza dello strumento del riuso sociale dei beni confiscati e della loro promozione e difesa - Rita Ghedini, presidente di Cooperare con Libera Terra, Agenzia per la promozione cooperativa e la legalità - nel solco della battaglia di Pio La Torre prima e della legge 109/96 per la quale Libera ha raccolto un milione di firme e che il prossimo 7 marzo celebrerà i 25 anni dalla sua nascita”.

Lascia il tuo commento
commenti