Emergenza Coronavirus

Covid-19: le nuove restrizioni sul territorio di Acquaviva

Ulteriori restrizioni dell'attività scolastica, delle attività mercatali e nella fruizione degli spazi pubblici

Attualità
Acquaviva lunedì 23 novembre 2020
di La Redazione
Piazza Vittorio Emanuele II
Piazza Vittorio Emanuele II © AcquavivaLive

Davide Carlucci, Sindaco di Acquaviva delle Fonti:

"Alla luce del consistente incremento di casi di coronavirus che riguarda la nostra città, che registra un'incidenza di contagi più elevata della media dei Comuni circostanti, il Coordinamento operativo comunale di protezione civile, presieduto dal sottoscritto, ha convenuto di:

- sospendere il mercato dell'abbigliamento mercoledì e contingentare quello della frutta;

- inibire la possibilità di stazionare nei luoghi pubblici di aggregazione per tutto il giorno, vietando l'accesso anche per il transito di piazza Vittorio Emanuele e piazza Garibaldi;

- sospendere la frequenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese le materne, fino al 3 dicembre.

Ci raccomandiamo con tutti, e in particolare con gli anziani, di non uscire se non per motivi strettamente necessari.

Facciamo uno sforzo, cerchiamo di attenerci rigorosamente alle misure di prevenzione adesso per poter ripartire con più serenità a dicembre".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • DOMENICO ha scritto il 24 novembre 2020 alle 14:27 :

    Ricordo a tutti i commentatori e a chi è contrario alla chiusura delle scuole voluta dal ns. egregio Sindaco, di RICORDARSELO IN SEDE ELETTORALE. Rispondi a DOMENICO

  • Domenico Loiudice ha scritto il 24 novembre 2020 alle 14:25 :

    Caro Signor Sindaco Carlucci, andare contro le direttive nazionali le quali suggeriscono di lasciare aperte le scuole primarie quando non vi è traccia del virus è a dir poco MEGALOMANE, ormai nessuno vuole prendersi delle responsabilità per lo meno quando si tratta di andare incontro a dei rischi, mentre quando dobbiamo andare incontro alla riscossione dello stipendio/gettone da sindaco siamo in prima linea. Bene, detto ciò spero che il giorno 3 Dicembre 2020 vengano riaperte le porte delle scuole primarie altrimenti ci sentiremo i dovere noi tutti genitori di organizzare una denuncia alle autorità competenti. Non bada solamente al suo tornaconto del purchè si parli, pensi ai bambini. Rispondi a Domenico Loiudice

  • Luisa Ferrulli ha scritto il 23 novembre 2020 alle 20:24 :

    Signor sindaco perché chiudere le scuole e le ludoteche no li non c'è contagio? I centri per disabili? Non capisco questa decisione Rispondi a Luisa Ferrulli

  • Giovanni ha scritto il 23 novembre 2020 alle 15:42 :

    Gentile Sig. Sindaco Preso atto del provvedimento nei confronti della scuola e in particolare della fascia di età più debole vorrei sapere in base a quale criterio ha maturato tale decisione. Mi piacerebbe conoscere i dati epidemiologici del contagio nel nostro comune e sopratutto diviso per quartili d’età. Immagino che ci siano numerosi contagi nella suddetta popolazione scolastica altrimenti non si capisce perché le scuole chiuse e i bar, negozi, centri commerciali etc, aperti. Mi sembra un controsenso. Non crede?? È poi chiede di fare acquisti negli stessi esercizi commerciali?? Ma In questo caso non c’è più la paura del contagio?? Non solo. La Sua azione metterà in difficoltà numerose famiglie i cui genitori sono entrambi lavoratori. A chi affideremo i piccoli studenti per la DAD?? Rispondi a Giovanni

  • Anna Montrone ha scritto il 23 novembre 2020 alle 15:34 :

    Ma sti poveri figli, e i nonni no e gli zii no e la scuola no e lo sport no. Gli dobbiamo anche rassicurare che babbo natale avrà un permesso speciale per poter venire. Ma dove finiremo? È giusto tutelare la loro salute fisica. Dovremmo pensare però. Tutelare anche la loro salute mentale. Stiamo creando troppi danni. La scuola deve essere l’unica certezza adesso nelle loro vite. La scuola è vita Rispondi a Anna Montrone

  • DALENA Matteo ha scritto il 23 novembre 2020 alle 12:59 :

    Carlucci adesso basta tornate a Milano non ne possiamo più Rispondi a DALENA Matteo