IISS Rosa Luxemburg di Acquaviva delle Fonti

Ancora riconoscimenti per gli studenti e docenti del Rosa Luxemburg

L’Associazione organizzatrice, il Comune e la Commissione giudicatrice hanno inoltre ringraziato e apprezzato il lavoro svolto da studenti e docenti nella nostra scuola in occasione dell’evento suddetto

Attualità
Acquaviva sabato 25 gennaio 2020
di La Redazione
Luminarte
Luminarte © IISS Rosa Luxemburg di Acquaviva

Presso il Chiostro del Comune di Gioia del Colle, si è svolta la premiazione del concorso “Luminarte” 2019, organizzato dall’Associazione no profit “I Bisbiglii dell’anima” e patrocinato dal Comune di Gioia del Colle. Nella cerimonia di premiazione la Commissione, composta da esperti, ha riservato alla nostra scuola un premio speciale per l’originalità espressiva e tematica della luminaria esposta in occasione dell’evento di Natale “La Magia del Natale: condividere nella tradizione”.L’opera è stata realizzata dagli studenti dell’IISS “R. LUXEMBURG” di Acquaviva delle Fonti nell’ambito di un progetto PON inclusione per far scoprire agli studenti le potenzialità di un oggetto di scarto. La luminaria è stata infatti costruita attraverso il recupero di frammenti di luminarie della ditta Paulicelli. La designer dott.ssa Francesca Paulicelli ha donato alla nostra scuola questi frammenti e ha spiegato ai ragazzi la funzione e il valore di questo elemento di arredo urbano, la luminaria, nella tradizione locale.

Guidati dall’esperta e dalle proff.sse Isabella Di Turi, Rosamaria Plantamura, Marina Ritelli, gli studenti hanno realizzato piccoli oggetti di design urbano riflettendo sul valore etico e ambientale del “riuso” e sulla possibilità che la stessa creatività offre di ri-fuzionalizzare ciò che la nostra società elimina come “rifiuto”.

Per questa ragione l’opera si intitola “Luce sostenibile” e integra agli elementi di scarto con frammenti di natura, evidenti nelle sagome e nei colori delle lampade, per spingere l’osservatore a scoprire la bellezza di ciò che finirebbe altrimenti nell’oblio e per farlo riflettere sull’importanza del recupero per la salvaguardia della natura.

I ragazzi hanno trovato veramente interessante e divertente conoscere e praticare questa nuova forma d’arte che si serve dell’antica tradizione delle luminarie. Essa ha consentito loro di mantenere vivo il rapporto con il nostro territorio, senza rinunciare a sperimentare. Per questo hanno voluto ringraziare anche l’architetto Francesca Paulicelli, che li ha guidati in questa esperienza con pazienza e competenza.

Poter creare oggetti ‘luminosi’ – afferma infatti uno studente coinvolto nel progetto- ci ha reso ancora più consapevoli della bellezza e della grande forza suggestiva della luce, mentre l’uso di materiali riciclati e frammenti di scarto della produzione, nota in tutto il mondo, di architetture effimere ci ha insegnato a rispettare e a valorizzare l’ambiente che ci circonda, qualunque esso sia: cameretta, studio o piazza. Grazie ancora a tutti!

L’Associazione organizzatrice, il Comune e la Commissione giudicatrice hanno inoltre ringraziato e apprezzato il lavoro svolto da studenti e docenti nella nostra scuola in occasione dell’evento suddetto. I nostri ragazzi delle seconde e quinte Liceo, coordinati dalla prof.ssa Roberta De Toma, hanno realizzato infatti teli decorativi ispirati al tema della solidarietà e dell’inclusione, mentre un altro gruppo di studenti del Liceo e del settore Sanità e Assistenza Sociale, guidati dalle proff. sse Luciana Cacciapaglia, Milena Pavone e Lavinia Costantino, hanno allestito un gazebo con decorazioni natalizie di eco-design, preparate con la docente Isabella Di Turi. Le studentesse del settore Sanità e Assistenza Sociale hanno, infine, intrattenuto i bambini nella serata di sabato 22 dicembre con attività di animazione divertenti e a tema.

Lascia il tuo commento
commenti