Relazione di Nadia Lerario - educatore cinofilo in collaborazione con Leidaa Acquaviva delle Fonti

La tutela degli animali

È importante sapere che è possibile aiutare il cane o il gatto, non restando indifferenti e mettendo in pratica una serie di azioni per salvarli

Attualità
Acquaviva mercoledì 05 maggio 2021
di La Redazione
Cani e gatti randagi
Cani e gatti randagi © n. c.

I cuccioli si sa, sono terribilmente dolci e coccoloni, ma è importante conoscerli, per poterli gestire nel modo più corretto, preparandoli così ad una equilibrata ed appagante vita con l’essere umano.

I cuccioli non sono giocattoli per far divertire i bambini, né tantomeno un regalo inaspettato o uno status simbol e pertanto devono esseri trattati come esseri viventi bisognosi di cure, attenzioni e competenze in ambito cinofilo.

Per far si che essi possano diventare dei futuri compagni di vita dell’uomo sani ed equilibrati, è importante e necessario conoscere l’importanza delle loro fasi di sviluppo e quali sono i tempi giusti per distaccarli dalla figura materna, per poi farli entrare nelle nostre case e nelle nostre vite.

I piccoli appena nati sono ciechi e sordi e sono completamente dipendenti dalle loro madri in quanto non riescono a termoregolarsi, pertanto è necessaria la presenza del corpo caldo della cagna per far si che abbiano una temperatura corporea compatibile con i loro processi vitali. In questo momento si verifica l’importantissimo processo di attaccamento della madre ai cuccioli, fondamentale affinché i piccoli possano sopravvivere.

Pertanto far si che un madre dia alla luce dei piccoli e subito dopo allontanarli da essa significa per loro morte certa.

Il processo di attaccamento è fondamentale nella vita degli animali ed una sua alterazione influisce radicalmente sullo sviluppo caratteriale del cucciolo ed influenzerà tutta la sua vita futura.

Distaccare il cucciolo dalla madre in questo momento non solo lo mette a rischio certo di vita ma farà si che sicuramente quell’animale avrà delle problematiche comportamentali da adulto, che sarà impossibile colmare.

Pertanto è importante che i cuccioli restino con la propria madre e con tutta la cucciolata almeno per i primi due mesi (lo prevede la legge), addirittura meglio tre, perché questa sarà la loro prima scuola di vita che getterà le basi per un futuro competente, equilibrato e socievole, senza timori e senza insicurezze.

ABBANDONARE CUCCIOLI APPENA NATI È UN ATTO VILE ED INCIVILE, SIGNIFICA CONDANNARLI A MORTE CERTA, STERILIZZARE SE NON SI DESIDERANO CUCCIOLATE.

Ogni comune di appartenenza ha la ricchezza di possedere associazioni di volontariato che nascono con lo scopo di poter aiutare il territorio attraverso la sterilizzazione oppure l’adozione di cani e gatti randagi.

È importante sapere che è possibile aiutare il cane o il gatto, non restando indifferenti e mettendo in pratica una serie di azioni per salvarli

CHIUNQUE TROVA DEI CUCCIOLI MOLTO PICCOLI, NON DEVE ASSOLUTAMENTE PRENDERLI PRIMA DI AVER:

  • MONITORATO I CUCCIOLI, CERCANDO DI CAPIRE SE LA MAMMA SI È SOLO ALLONTANATA PER CERCARE CIBO;
  • CONTATTARE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO;
  • CONTATTARE UN MEDICO VETERINARIO;

 

 

GRAZIE PER L’ATTENZIONE

 

 

Lascia il tuo commento
commenti