Coldiretti Puglia

25 aprile: senza gite crack da 2 milioni di euro

I limiti imposti agli spostamenti e la chiusura delle l’attività di ristorazione impediscono le tradizionali gite fuori porta nelle campagne dove a soffrire sono i 900 agriturismi presenti in Puglia

Attualità
Acquaviva domenica 25 aprile 2021
di Teresa De Petro
Agriturismo in Puglia
Agriturismo in Puglia © n.c.

Un crack da 2 milioni di euro in Puglia senza le classiche gite di primavera, con i pugliesi costretti a rimanere chiusi tra le mura domestiche per il lungo lockdown di 42 giorni consecutivi per fermare la pandemia da Coronavirus. E' quanto stima Coldiretti Puglia, sulla base delle rilevazioni di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti, in occasione del 25 aprile, la Festa della Liberazione, dedicata tradizionalmente alle gite fuori porta, in attesa della uscita della Puglia dalla zona rossa dopo 6 settimane ed il passaggio in zona arancione a partire dal 26 aprile.

Un sacrificio doloroso – aggiunge Coldiretti Puglia - con lo stop agli spostamenti verso seconde case, parenti, amici, vacanze o gite fuori porta che interessa la stragrande maggioranza dei pugliesi che tradizionalmente escono di casa per i ponti di primavera.

I limiti imposti agli spostamenti e la chiusura delle l’attività di ristorazione impediscono le tradizionali gite fuori porta nelle campagne dove a soffrire sono i 900 agriturismi presenti in Puglia che – secondo la Coldiretti regionale - hanno subito perdite per oltre 100 milioni di euro per effetto della pandemia. Ora l’appuntamento atteso è quello con il weekend del primo maggio con il via libera alla riapertura con servizio al tavolo all’aperto, disposto dal nuovo Dpcm e in vigore dal 26 aprile, sempre che la Puglia per quella data sia tornata in zona gialla.

Nelle campagne – sottolinea la Coldiretti – ci si sta organizzando con la disposizione all’aria aperta dei tavoli ma secondo Campagna Amica c’è anche chi è pronto ad offrire agli ospiti la possibilità di cenare sotto gli uliveti in mezzo alle vigne che stanno germogliando oppure nell’orto per raccogliere direttamente la verdura. Una stagione – sottolinea Coldiretti Puglia – particolarmente apprezzata dagli amanti della campagna per assistere al risveglio della natura con piante, fiori e uccelli migratori, ma anche delle attività agricole con i lavori di preparazione dei terreni, la semina e la raccolta delle primizie da portare in tavola.

“Dal pranzo sul plaid con i piedi sull’erba, all’agri-aperitivo a bordo piscina o tra i filari delle vigne, dai pranzi e le cene romantiche sotto gli ulivi monumentali o sulle balle di fieno, i nostri agriturismi sono pronti ad accogliere gli ospiti in sicurezza, perché spesso situati in zone isolate della campagna in strutture con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto dove le distanze si misurano in ettari, sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche”, afferma Filippo De Miccolis, presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti.

A preoccupare è invece il limite fissato per il coprifuoco alle 22 poichè – rileva la Coldiretti regionale - gli agriturismi sono situati nelle aree rurali e ci vuole tempo per raggiungerli dalle città. Gli agriturismi, peraltro, spesso situati in zone isolate in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse – dice Coldiretti Puglia – i luoghi più sicuri dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Per scegliere il posto giusto il consiglio della Coldiretti è quello di rivolgersi su internet a siti come www.campagnamica.it senza dimenticare il passaparola tra parenti e amici che è sempre molto affidabile.

Lascia il tuo commento
commenti