Diocesi di Altamura - Gravina - Acquaviva delle Fonti

Attività catechetiche in Diocesi: le nuove disposizioni di Mons. Ricchiuti

Il provvedimento redatto dall’Arcivescovo per tutta la Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, a partire da oggi

Attualità
Acquaviva sabato 23 gennaio 2021
di La Redazione
Mons. Ricchiuti
Mons. Ricchiuti © Diocesi di Altamura - Gravina - Acquaviva delle Fonti

Tenuto conto delle ultime disposizioni emanate in materia di emergenza epidemiologica da Covid-19 da parte delle Autorità governative nazionali e regionali; tenuto conto, altresì, dei suggerimenti contenuti nelle linee-guida predisposte dalla Conferenza Episcopale Italiana per questo tempo di pandemia – dopo un’attenta e ponderata riflessione, volendo favorevolmente accogliere le numerose richieste pervenute da parte di molti Parroci, soprattutto in vista della celebrazione dei Sacramenti dell’lniziazione cristiana – l’Arcivescovo Mons. Giovanni Ricchiuti ha firmato in data odierna un decreto contenente nuove disposizioni da adottare in tutta la Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti circa le attività catechetiche.

Il provvedimento redatto dall’Arcivescovo prevede che in tutta la Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, a partire dalla data odierna:

1. si riprendano in presenza tutte le attività catechetiche, sia per quanto riguarda la catechesi in preparazione ai Sacramenti dell’Iniziazione cristiana di fanciulli, ragazzi e adolescenti, sia per quanto riguarda la catechesi dei giovani, dei fidanzati in preparazione al matrimonio, delle famiglie e degli adulti appartenenti alle diverse Aggregazioni laicali;

2. per lo svolgimento dei suddetti incontri di catechesi, si utilizzino locali spaziosi e arieggiati (non esclusa 1’aula liturgica delle chiese), nel pieno rispetto della normativa anti-Covid vigente (distanza di sicurezza, uso obbligatorio delle mascherine, igienizzazione individuale e degli ambienti), frazionando eventualmente il numero delle persone, laddove i gruppi dovessero risultare particolarmente numerosi;

3. l’eventuale celebrazione dei Sacramenti dell’Iniziazione cristiana, a partire dalla Domenica dopo la Pasqua (11 aprile 2027), è condizionata alla frequenza degli incontri di catechesi e alla partecipazione alla Messa domenicale, sia da parte di coloro che dovranno ricevere i Sacramenti, sia da parte delle rispettive famiglie;

4. rimane ancora in vigore quanto da me disposto ai numeri 5) e 6) delle succitate Disposizioni del 7 novembre 2020.

Lascia il tuo commento
commenti