Servizio antidroga

I Carabinieri arrestano per spaccio tre pusher, due dei quali erano agli arresti domiciliari

I tre arrestati dovranno rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti in concorso

Cronaca
Acquaviva lunedì 11 febbraio 2019
di La Redazione
Gazzella Carabinieri
Gazzella Carabinieri © n.c.

Erano agli arresti domiciliari ma spacciavano dalla finestra di casa. E’ quanto appurato dai militari della Stazione Carabinieri di Casamassima, i quali, l’altro ieri, a conclusione di un mirato servizio antidroga, hanno arrestato il 33enne G.D., la convivente S.L. 46enne ed il figlio di quest’ultima V.A. 21enne.

I tre, tutti residenti in Casamassima, già noti alle forze dell'ordine, due dei quali già sottoposti agli arresti domiciliari, erano finiti sotto la lente d’ingrandimento dei Carabinieri della locale Stazione CC a seguito di uno strano via vai di persone dedite all’uso di sostanze stupefacenti che erano state notate nei pressi dell’abitazione dagli stessi militari. Sono stati così eseguiti dei servizi di osservazione nel corso dei quali si è appurato che i tre, dalle finestre della propria abitazione, avevano contatti e scambi sospetti con persone che stavano al di fuori e che poi subito si allontanavano.

Così, l’altro ieri, dopo aver raccolto tutte le prove necessarie, i Carabinieri sono intervenuti, bloccando un giovane assuntore che aveva appena acquistato una dose di cocaina e procedendo ad una perquisizione domiciliare e personale a carico di tutti e tre i congiunti. Nella loro abitazione venivano così rinvenuti e sottoposti a sequestro. un bilancino di precisione, materiale per il taglio e il confezionamento della droga ed un telefono cellulare utilizzato per ricevere le ordinazioni.

I tre arrestati dovranno rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti in concorso.

Lascia il tuo commento
commenti