Il nubifragio di domenica ha prodotto diversi danni alle cose

Piazza Kennedy allagata. Carlucci: “Nuove opere per prevenire episodi ben più gravi”

"Non è stata la cattiva manutenzione delle griglie la causa dell'allagamento"

Attualità
Acquaviva martedì 27 maggio 2014
di La redazione
Nubifragio ad Acquaviva
Nubifragio ad Acquaviva © n.c.

"Ora individueremo le risorse per uno studio idraulico del quartiere che ci consenta la progettazione di nuove opere per prevenire episodi ben più gravi di quello che si è verificato domenica". Il sindaco Davide Carlucci commenta con queste parole i gravi disagi avvenuti a seguito del nubifragio di domenica scorsa. Piazza Kennedy e diversi altri punti del paese sono stati letteralemente inondati a causa delle forti pioggie. Sono episodi che si ripetono ciclicamente da decenni e verso i quali nessuna amministrazione ha messo in campo interventi risolutivi.   

"Non è stata la cattiva manutenzione delle griglie la causa dell'allagamento di piazza Kennedy.  - prosegue Carlucci -  Da una valutazione dei fatti con i tecnici è emerso che il problema è un altro: la scarsa capacità di portata delle condotte della fogna bianca, dovuta all'ampliamento del bacino di raccolta delle acque che si è esteso fino a via Bianco. Dal momento in cui è stata asfaltata questa zona, infatti, le acque non sono più drenate dal terreno ma defluiscono verso piazza Kennedy. All'epoca in cui si realizzarono le opere fognarie (primi anni Duemila) quelle strade non furono comprese nel calcolo della portata".

 Ma la pulizia delle griglie di scolo rimane un intervento efficace per evitare che gli allagamenti raggiungano dimensioni ancora più allarmanti e pericolose di quelle di domenica scorsa. "L'estramurale è stata interessata, in passato, dai lavori per la realizzazione della fogna bianca. Perché ciò non basti a scongiurare i pericoli è una domanda che ci stiamo ponendo in queste ore, così come dobbiamo valutare se sia il caso di prevedere un sistema più efficiente di pulizia delle caditoie e se sia il caso di individuare risorse economiche per ulteriori interventi".

Individuando il problema nella scarsa efficacia degli interventi posti in essere nel recente passato, il sindaco non cade tuttavia nel gioco del rimpallo delle responsabilità e anzi sottolinea:  "Tutto questo senza cedere alla tentazione di innescare polemiche con chi ha amministrato in passato ma solo per capire come fare meglio oggi per prevenire ciò che può accadere domani"

Lascia il tuo commento
commenti