Convento e Chiesa di S. Agostino

Chiese, strade e piazze storiche, monumenti, palazzi ed edifici storici, insediamenti rupestri.

a cura di Mariella Nanna
vistaSez

L’attuale chiesa di S. Agostino trae origini dall’antichissima chiesa conventuale del monastero agostiniano della SS. Annunziata, talvolta chiamato convento di S. Agostino. La stessa chiesa, pur essendo consacrata alla SS. Annunziata, viene tuttora chiamata chiesa di S. Agostino. Non si conosce la data certa della fondazione del convento: secondo alcuni risalirebbe al XVII sec., secondo altri, ed è questa l’ipotesi più accreditata, sarebbe molto più antico (XIV-XV sec.).

Il convento fu ampliato e ristrutturato fra il 1650 e il 1675. Il convento fu sede nel XVII sec., per un breve periodo, del nuovo feudatario di Acquaviva Carlo De Mari, insediatosi nel governo della città nel 1664. Fra gli ampliamenti del convento è compresa anche la costruzione di una nuova chiesa, l’attuale chiesa parrocchiale, che fu consacrata nel 1737, come attesta una lapide posta sopra l’anteporta, cui si accede attraverso una scala a chiocciola. Nel periodo dei moti rivoluzionari del XVIII sec. il convento subì gravi danni, che si accentuarono ulteriormente durante il periodo napoleonico.

In alcuni documenti si parla della chiusura del convento (avvenuta dopo il 1808), i cui monaci si trasferirono nel convento degli agostiniani di Bari. Negli anni in cui il convento rimase chiuso, alcuni terreni di Acquaviva, fra cui per errore l’ex convento agostiniano, furono assegnati alle suore di S. Maria del Gesù di Napoli. Ciò provocò lo sdegno degli acquavivesi e dopo lunghe controversie il convento tornò a far parte del feudo di Acquaviva. Anche la chiesa rimase chiusa per lungo tempo e, quando fu riaperta al culto nel 1842, continuò ad essere chiesa conventuale.

Attualmente il complesso dell’ex convento appartiene a privati, che ne hanno ampiamente modificato la struttura originaria. La chiesa conventuale è divenuta invece chiesa parrocchiale dedicata a S. Agostino.

La chiesa, restaurata all’interno, è costituita da una navata centrale e da arcate laterali simili a piccole cappelle. La facciata esterna è in pietra viva e di stile romanico. Il portale in pietra è sormontato da un architrave, sul quale si apre una nicchia che ospita una croce in ferro.
Negli anni 1990 e seguenti, poiché la Cattedrale necessitava di ristrutturazioni, i riti e le celebrazioni eucaristiche della stessa furono celebrati nella chiesa di S. Agostino.

Nell’arcata di sinistra è collocata un’opera marmorea rappresentante la Pietà e dietro questa c’è un affresco del 1960 realizzato dal pittore Colonna di Bari: esso rappresenta una croce in un cielo illuminato dalla luce divina. Sul lato destro della navata c’è un dipinto di autore ignoto raffigurante S. Michele Arcangelo. Nelle due arcate che seguono sulla destra e sulla sinistra della navata si notano due altari marmorei settecenteschi di stile barocco.

La chiesa ospita anche due mosaici: uno raffigurante S. Gemma Galvani, opera dell’artista ungherese G. B. Haijnal, e l’altro raffigurante S. Rita da Cascia. Alle spalle dell’altare maggiore si possono ammirare un mosaico raffigurante il Sacro Cuore, opera dell’artista ungherese G. B. Haijnal, e una tela che rappresenta la deposizione di Cristo dalla croce. Alle spalle della chiesa fu fatto costruire nel XVII sec., quando crollò il campanile originario del monastero, un nuovo campanile.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Acquaviva

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno