Isolati da giorni per il furto dei cavi dell'alta tensione

Non è giusto lasciare senza energia elettrica molte famiglie senza che l'Enel provveda con un servizio sostitutivo

Codacons Segnalazioni Codacons
Acquaviva - venerdì 02 settembre 2016
© Codacons Acquaviva

Abbiamo scritto a: Sindaco, comandante PM, Consiglieri comunali, responsabile della protezione civile locale e regionale oltre che al Prefetto ed alla emittente televisiva TeleMajg per chiedere un intervento pubblico a favore dei residenti in zona Sant’Elia – San Martino – La Difesa e viciniori. Questa la lettera:

            Illustri Signori,

i residenti delle zone Sant’Elia – San Martino – La Difesa, risultano essere in un forte stato di disagio a causa della interruzione di energia elettrica che perdura da molti giorni. E’ evidente che ciò li costringe a stare al buio, a soffrire l’isolamento, senza acqua ed anche impianti di allarme.  Ciò sarebbe stato sopportabile se la fornitura di energia elettrica fosse stata ripristinata in poche ore ma visto il perdurare dell’interruzione, e la informazione fornita agli utenti che saranno necessari ancora molti giorni per la regolare erogazione dell’energia elettrica, riteniamo necessario attivare tutti quegli interventi previsti dalle norme per garantire a questi Cittadini, almeno:

  • pasti caldi e lavaggio abiti;
  • fornitura di acqua potabile;
  • luci di emergenza alimentate a batteria;
  • vigilanza della zona.

Meglio sarebbe se si procedesse alla fornitura di gruppi elettrogeni sufficienti ad alimentare le residenze che in alcuni casi ospitano utenti invalidi al 100%.

            Invitandovi ad intervenire, ognuno per la propria competenza con urgenza, si porgono i più vivi ringraziamenti per tutto quello che farete per risolvere il grave disagio su esposto.

Cordiali saluti,              Luigi Maiulli - Presidente Codacons Acquaviva

Altri articoli
Gli articoli più letti