Aro Bari 5. Aperte le buste e valutate le offerte per il bando di gara sui rifiuti. Dopo quasi diciotto anni Acquaviva avrà un nuovo servizio di raccolta.

Rifiuti: si va verso l’aggiudicazione del nuovo servizio alla Cns di Bologna

In arrivo il "porta a porta" e la tariffazione puntuale.

Politica
Acquaviva venerdì 09 ottobre 2015
di La Redazione
Porta a porta
Porta a porta © n.c.

Giunge così alla fine il servizio di raccolta dei rifiuti gestito dalla ditta Lombardi Ecologia ad Acquaviva, un contratto "preistorico" (fu stipulato nel 1997), un vero e proprio cadavere che da tredici anni è stato mantenuto in vita artificialmente a colpi di proroghe e ordinanze. Martedì 6 ottobre l'Aro Bari 5 ha aperto in seduta pubblica le buste contenenti le offerte per la gestione del nuovo servizio di gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Si va verso l'aggiudicazione della gara d'appalto al raggruppamento temporaneo di imprese (Rti) Consorzio nazionale servizi società cooperativa di Bologna, Cogeir costruzioni e gestioni srl di San Vito dei Normanni (Br), Impresa del Fiume spa di Taranto.

L'Rti ha presentato un ribasso economico dello 0,5%, inferiore rispetto alle altre due offerte ammesse (1,02%), ma una migliore offerta tecnica, raggiungendo un punteggio di 70,139. La nuova ditta opererà sui comuni di Acquaviva delle Fonti, Gioia del Colle, Adelfia, Casamassima, Sammichele di Bari e Turi, un bacino che conta 105mila abitanti).

Il nuovo servizio potrebbe entrare in funzione già da Gennaio 2015, al termine di alcuni passaggi burocratici importanti, come la trasmissione di tutti gli atti in Procura per verificare se la ditta Cns è in regola con i requisiti previsti dalla legge. C'è poi da mettere in conto la possibilità di ricorsi contro l'aggiudicazione dell'appalto che, se presentati, potrebbero far slittare l'aggiudicazione definitiva all'emissione di una sentenza da parte del TAR.

Per il primo anno è previsto un aumento del costo del servizio. Questo andrà ad abbattersi nel corso dei primi due anni, fino ad assesstarsi ad un livello economico più basso di quello attuale.

L'aumento iniziale è dovuto soprattutto ad un periodo di transizione di tre mesi in cui si continuerà a fare la raccolta stradale, per poi passare gradualmente alla raccolta a domicilio.

Il "porta a porta" garantirà una percentuale nettamente più alta di raccolta differenziata. L'obiettivo per il primo anno di servizio è del 60%, per poi arrivare al 70% l'anno successivo (un abisso rispetto al 22% registrato a giugno di quest'anno). Questo permetterà di abbattere notevolmente i costi relativi al conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati e di risparmiare sull'ecotassa regionale.

Solo per il primo anno, poi, si pagherà secondo l'attuale regime tassativo, ovvero la TARI, che calcola la tariffa in base ai metri quadri dell'abitazione. Dal 2017, invece, entrerà in vigore la tariffazione puntuale, che premierà i cittadini che sapranno differenziare al meglio i propri rifiuti.

Tutti questi elementi insieme dovrebbero quindi portare ad un minore costo in bolletta e ad una raccolta più efficiente dei rifiuti.

 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette