martedì 25 settembre 2012 Cronaca
Resoconto dell'interrogatorio di garanzia per la vicenda degli sprechi nella colonia hanseniana

“Il lebbrosario era un hotel di lusso”

Intervista ad Alessio Carlucci, legale di Saverio Vavalle

Segnala questa notizia ai tuoi amici con una email
A:
Da:
Messaggio:
Avvocato Alessio Carlucci
- Avvocato Alessio Carlucci © acquavivalive

Avvocato Carlucci, ieri c’è stato l’interrogatorio di garanzia del suo assistito, Saverio Vavalle. Vuole raccontarci com’è andata?
 

Saverio Vavalle ha respinto con serenità e decisione ogni accusa. L’interrogatorio è durato parecchio, non tanto per le domande del pm e del giudice, che sono state in realtà poche, quanto per la grande quantità di dati e documenti fornita da Vavalle, che smonterebbero i capi d’accusa.
 

Ci fa qualche esempio?

L’ordinanza di custodia cautelare si basa sulle dichiarazioni di alcuni ospiti della colonia Hanseniana. Vavalle ha potuto dimostrare, indicando testimoni e fornendo altri documenti, i gravi motivi di contrasto sorti tra lui e questi pazienti. Questi personaggi erano riusciti a ottenere trattamenti di grande privilegio ai quali non volevano rinunciare.
 

Si riferisce ai menù da nababbi?
 

Per esempio. I menù erano spropositati sia in riferimento alla quantità che alla qualità. Vavalle ha tirato fuori una lettera in cui il compianto avvocato Maselli, suo predecessore nella direzione amministrativa del nosocomio, portava all’attenzione della dirigenza ospedaliera lo stile di vita lussuoso che conducevano i pazienti della struttura, che veniva addirittura paragonata a un hotel di lusso.
 

Ma come potevano gli ospiti della colonia consumare cibo in quantità tre, quattro volte superiori al normale fabbisogno alimentare?

Ogni stanza della colonia era dotata di frigorifero autonomo. Il paziente non mangiava tutto ma accumulava. Questa roba poi veniva data a volte a infermieri e addetti alle pulizie e, più spesso, alle famiglie degli stessi ammalati. Più volte sono stati sorpresi parenti dei pazienti caricare grossi quantitavi di cibo nelle proprie macchine.
 

Ma lo spreco non riguardava solo le scorte alimentari. Viene contestato anche l’acquisto di uno strumento chirurgico pagato cento volte il suo prezzo di mercato.
 

Questo aspetto non riguarda Saverio Vavalle ma don Mimmo Laddaga, il quale avrà sicuramente trovato il modo di difendersi. Dovete chiedere al suo avvocato.
 

E le spese di ristrutturazione?

La consulenza richiesta dai magistrati sui lavori effettuati al nosocomio è stata fatta dopo due anni dalla fine dell’intervento edilizio. La perizia prodotta dal consulente incaricato dal pubblico ministero non poteva che essere approssimativa. Io la definirei virtuale o, se non altro, assai discutibile. Anche in questo caso, però, Vavalle ha messo a disposizione dei magistrati delle fotografie scattate prima dell’intervento edilizio che saranno utili a fare chiarezza sull’opportunità dei lavori effettuati.
 

Alla luce di tutto questo, da cittadino, non crede che sia opportuno chiudere la colonia hanseniana?

Non spetta a me dirlo. Vavalle stesso, con commozione, ha raccontato davanti al giudice di pazienti che hanno ottenuto grandi benefici dalla struttura, senza ricattare nessuno e sopportando la malattia con grande dignità. Occorre ricordare che di colonie hanseniane in Italia ne sono rimaste pochissime, io lo ritengo un vanto per il nostro territorio. Svestendo i panni dell’avvocato dico che non possiamo permettere che questa vicenda getti un’ombra tanto sinistra quanto ingiusta su tutto il Miulli, che resta una struttura d’eccellenza nel Meridione. Io stesso, per questioni personali, ho potuto toccare con mano la professionalità, la bravura e la grande umanità del personale del Miulli, medici, infermieri, amministrativi e inservienti, nessuno escluso. Dobbiamo essere fieri del nostro ospedale e difenderlo.

Commenta la notizia

Non verranno convalidati i commenti che:

  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
il 26 settembre 2012 alle 22:00
fuoridalcoro fuoridalcoro
Commenti eliminati??!!!
{ "items": [{ "data_inizio": "2013/12/01", "data_fine": "2013/12/01", "immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/quinto-cornice.jpg", "href_immagine": "https://www.facebook.com/photo.php?v=10200778094078546&set=vb.638337366217227&type=2&theater", "attivo":"si", "colore_sfondo":"#0A1622", "top":"180" }] } { "items": [ { "data_inizio": "2014/08/16", "data_fine": "2014/08/28", "immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/img/app-skin.jpg", "href_immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/img/live_APP.htm", "attivo":"no" } ] }

Le più commentate

Chiudi Non visualizzare di nuovo